I finalisti 2020

Barbara Alberti, Mio Signore (Marsilio)

Barbara Alberti è nata in Umbria e vive a Roma, dove si è laureata in filosofia. È scrittrice, giornalista e sceneggiatrice, autrice di romanzi, saggi e biografie fantastiche. Impegnata anche in ambito cinematografico, ha firmato le sceneggiature di pellicole quali Il portiere di notte (1974) per la regia di Liliana Cavani e Io sono l’amore (2009) diretto da Luca Guadagnino. Volto televisivo e studiosa di letteratura, è una delle scrittrici meno convenzionali nel panorama italiano. Tra i suoi libri ricordiamo: Memorie malvage (Marsilio 1976), Il ritorno dei mariti (Mondadori 2006), Vangelo secondo Maria (Castelvecchi 2007), Letture da treno (nottetempo 2008), Riprendetevi la faccia (Mondadori 2010) e Sonata a Tolstoj (Dalai Editore 2010).

Camilla Barisani, Gelosia (La nave di Teseo)

Camilla Baresani, nata a Brescia, vive tra Roma e Milano. Ha scritto i romanzi Il plagio (2000), Sbadatamente ho fatto l’amore (2002), L’imperfezione dell’amore (2005), Un’estate fa (2010, Premio Hemingway e Premio Selezione Rapallo), Il sale rosa dell’Himalaya (2014, Premio Città di Vigevano e Premio Cortina d’Ampezzo), Gli sbafatori (2015). È anche autrice del saggio Il piacere tra le righe (2003), dei racconti di TIC. Tipi Italiani Contemporanei (2006), di La cena delle meraviglie con il critico-gourmet Allan Bay (2007) e di Vini, amori con Gelasio Gaetani d’Aragona (2014). Collabora con il “Corriere della Sera” e con “Grazia”. Insegna scrittura creativa alla scuola Molly Bloom.

Matteo Bussola, L'invenzione di noi due (Einaudi)

Matteo Bussola (Verona, 1971) ha pubblicato il bestseller Notti in bianco, baci a colazione (2016), tradotto in molti Paesi, Sono puri i loro sogni (2017) e La vita fino a te (2018). Conduce una trasmissione radiofonica su Radio 24, I Padrieterni.

Con il patrocinio di
in collaborazione e con il sostegno di